Comunicati

TUTTI I COMUNICATI

23.07.2022 19:17
MITTELFEST. ZANIN: DA "IMPREVISTI" NOSTRA CAPACITÀ A ESSERE RESILIENTI

(ACON) Cividale, 23 lug - Gli "imprevisti" dell'edizione 2022 di Mittelfest si sono fatti sentire nella chiesa di san Francesco, a Cividale, con le prime note dedicate all'Austria, Paese ospite della cerimonia inaugurale della più famosa kermesse di teatro, danza e musica - quest'anno anche circo - del Friuli orientale che si svilupperà sino al 31 luglio prossimo.

Tra le autorità in prima fila, il presidente del Consiglio regionale, Piero Mauro Zanin, che non ha mancato di notare l'attualità del titolo, "Imprevisti", che pure è stato pensato dagli organizzatori ancora a febbraio: "Una parola che ci impone di fare una riflessione su quanto ci sta accadendo da diversi mesi, non solo per la continuazione della pandemia, ma per la guerra in Ucraina, la crisi economica conseguenziale, ora anche quella di Governo e non ultimo il grande caldo e gli incendi che devastano il territorio. Ma gli imprevisti sono anche la nostra capacità a piegarli pro noi, dobbiamo essere in grado di essere resilienti e mantenerci saldi rispetto ai nostri valori".

Mittelfest per Zanin è anche un esempio del saper essere: "Ciò che un individuo rappresenta non è ciò che ha, ma ciò che ha saputo costruire, e questo anche attraverso la cultura, espressione della sua comunità e del suo territorio. E in questa sua coscienza culturale di se stesso c'è anche il saper affrontare le crisi, dalle economiche alle sociali, che abbiamo subito e stiamo subendo ancora adesso".

Se la sindaca di Cividale, Daniela Bernardi, ha poi detto dell'atmosfera suggestiva in cui è iniziata una kermesse che utilizza il linguaggio universale della musica e ha ringraziato la Regione per aver creduto nel presidente Roberto Corciulo e nel suo voler interagire con tutto il territorio, sapendone cogliere ogni opportunità, l'assessore regionale alla Cultura, Tiziana Gibelli, ha fatto presente che "Mittelfest non è nata per idea di un cividalese - seppure l'amministrazione di allora fu capace di cogliere l'opportunità di metterla in pratica - perché spesso si dà per scontato ciò che abbiamo davanti agli occhi, in questo caso un luogo naturale di crocevia di popoli. Oggi la manifestazione torna ad essere incrocio di culture, parte attiva del territorio e ha portato la città fuori dall'ombra del suo campanile".

All'appuntamento, a testimoniare il territorio, non sono voluti mancare anche diversi consiglieri regionali come Mauro Di Bert, Cristiano Shaurli, Franco Iacop, Elia Miani e Giuseppe Sibau, mentre l'apertura della cerimonia ha visto anche un appaluso per ricordare l'abnegazione di Elena Lo Duca, la volontaria deceduta travolta da un albero mentre, da volontaria della Protezione civile, prendeva parte alle operazioni di spegnimento dell'incendio che stava interessando la zona di Prepotto. "La sua era una disposizione naturale a mettersi a disposizione di tutta la comunità", ha detto di lei la sindaca della città ducale. ACON/RED



  • Il presidente del Cr Fvg, Piero Mauro Zanin, tra il pubblico a Cividale